Grand Tour

il Grand Tour e i suoi ricordi
I dipinti dei grandtourist e dei vedutisti
cultura & natura
Un dialogo mai esaurito e continuamente arricchente
chiare fresche dolci acque
Laghi, cascate, acquedotti, terme e la potenza del sublime: alluvioni, dighe crollate...

Ripensare il turismo nell'era del digitale e della pandemia

i luoghi della creatività
Biblioteche, archivi, farmacie, botteghe artigiane, antiche università
i luoghi della spiritualità
Dove ribaricentrarsi e rientrare in relazione con il creato (monasteri, eremi, sacri Monti…)
i luoghi dell’economia
Architettura industriale e musei d’impresa, luoghi del commercio, architettura rurale

Andrea Granelli, Rita Batosti
Roma e il nuovo Grand Tour

La rivoluzione digitale e gli sconvolgimenti pandemici hanno cambiato l’idea stessa del viaggio. Dentro la crisi, Roma e l’Italia possono immaginarsi meta del Grand Tour del futuro.
Un laboratorio permanente dell’innovazione, alimentato dalla memoria del passato. Il luogo in cui la classe creativa globale impara l’arte della mescolanza.
Un itinerario tra scuole e università, botteghe e imprese, musei, istituti delle conoscenze storiche, ambasciate dei saperi diffusi.
Per fare del turismo un’esperienza trasformativa.

Il Grand Tour e i suoi ricordi (i dipinti dei grandtourist e dei vedutisti)

Cultura & natura (un dialogo mai esaurito e continuamente arricchente)

Chiare fresche dolci acque (laghi, cascate, acquedotti, terme…)

I luoghi della creatività (biblioteche, archivi, farmacie, botteghe artigiane, antiche università)

Le botteghe artigiane

I luoghi della spiritualità, dove ribaricentrarsi e rientrare in relazione con il creato (monasteri, eremi, sacri monti…)

I luoghi dell’economia (architettura industriale e musei d’impresa, luoghi del commercio, architettura rurale)

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial