☞ Informatici Senza Frontiere

Dal 21 al 23 ottobre 2021 si terrà a Rovereto la quinta edizione del festival Informatici Senza Frontiere.

Il festival si occupa dell’impatto sociale delle trasformazioni tecnologiche, e di come le tecnologie possono favorire l’inclusione dei segmenti fragili della società. Tre giorni di incontri, dibattiti, conferenze, laboratori per riflettere sulla tecnologia come fattore di integrazione per anziani, disabili, giovani, migranti, e per tutte le persone che la travolgente mutazione tecnologica in atto rischia di marginalizzare.

L’edizione di quest’anno, D come digitale, avrà soltanto ospiti donne, e porrà al centro le questioni dell’empowerment femminile e delle disparità di genere nel mondo tecnologico e scientifico. Un modo di rendere visibili le energie che spingono tecnologia e cultura scientifica verso le pari opportunità; e di far emergere e valorizzare la presenza dell’intelligenza femminile nella costruzione dell’ecosistema digitale del futuro.
Al festival parteciperanno ricercatrici e scienziate, rappresentanti delle istituzioni, professoresse universitarie, giornaliste, filosofe e imprenditrici, personalità del mondo della cultura, dello spettacolo e dello sport, esperte di informatica, docenti e studentesse.

Il programma completo della manifestazione è disponibile sul sito del festival.

Tra i temi che verranno affrontati ci sono argomenti di assoluta centralità per il dibattito contemporaneo, come l’intelligenza artificiale inclusiva ed etica, il contrasto al digital divide in Italia e nel mondo, la tecnologia al servizio dei disabili e degli anziani, il pensiero computazionale come supporto alla formazione di bambini e ragazzi, la difesa contro il cyberbullismo e l’hate speech online, l’uso etico delle nuove tecnologie, la big data era, la didattica a distanza, il deep fake e lo statuto della realtà negli ambienti digitali.

Luca Sossella editore accompagna la manifestazione curando un piano di comunicazione online in collaborazione con l’Agenzia per la trasformazione culturale cheFare: una serie di approfondimenti, interviste, recensioni che interrogano e rilanciano i temi principali del festival.

D come digitale è anche il titolo del quaderno che Luca Sossella editore ha curato per raccontare i temi del festival, dialogando con alcune relatrici e raccogliendo spunti, approfondimenti, riflessioni in collaborazione con l’Agenzia per la trasformazione culturale cheFare.